venerdì 14 luglio – ore 18,00

Murlo, Chiusi e Orvieto. Lea Cimino (Docente di Etruscologia e Antichità Italiche presso l’Università per Stranieri di Siena), Giuseppe M. Della Fina, Giulio Paolucci (Direttore del Museo Civico Archeologico di Chianciano Terme)

Untitled-3-03

DSC_5703

DSC_5693
Inaugurazione in grande stile al festival Bluetrusco di Murlo, giovedì 13 luglio. Tante le autorità presenti, a partire dal presidente del Consiglio Regionale Eugeni Giani.Riconoscimenti sono stati dati dal sindaco Fabiola Parenti all’associazione culturale di Murlo, potragonista di una grande lavoro volontraio di ricerca e valorizzazione del sentiero che va dal museo a Poggio Civitate, com al prefetto di Siena Armando Gradone. Il Sottosegretario Ilaria Borltetti Buitoni, trattenuta improvvisamente a Roma, ha inviato un bellissimo messaggio, e confermato una sua visita per il 30 settembre. La Cantoria dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia ha suscitato tante emozioni. Simona Maggiorelli (direttrice di Left), Andreas Steiner (direttore di Archeo), Elisa Bruttini (direttore scientifico Fondazione Musei Senesi), insieme al sindaco Fabiola Parenti e al direttore scientifico di Bluetrusco Giuseppe Della Fina, hanno chiuso una giornata da incoriniciare per Murlo, parlando della bellezza con una domanda di fondo: che farne?

DSC_5773DSC_5739DSC_5732DSC_5729DSC_5724DSC_5717DSC_5713

Marco_Falagiani_pianoforte_2015

Questa sera (venerdì 14 luglio) ascolterete la prima esecuzione assoluta di un’inedita collaborazione tra un compositore pop e un poeta classico: Marco Falagiani e Pier Luigi Berdondini. La formula del concerto è un intreccio di musica e parole ispirate a valori, bellezza e temperamento di Velia, donna etrusca, bella, colta, attiva, libera di amare, libera di emancipare. Amare Velia è anche storia dei nostri giorni, del fascino delle donne toscane che di Velia indossano audacia e acutezza, bellezza tirrenica, carattere armonico e sobrio. Sono donne narrate dalle canzoni di Giancarlo Bigazzi e Marco Falagiani e dai testi di Pier Luigi Berdondini.

Canzoni e poesia, nella forma di un concerto. Falagiani porta sul palcoscenico i brani della propria produzione dalla colonna sonora di Mediterraneo a Gli uomini non cambiano, Ci vuole un attimo, Non amarmi, Passerà, fino a Gira gira l’affascinante canzone che tocca il pensiero e la ricerca di Galileo Galilei. Dimostrando la cifra distintiva della produzione di Falagiani, finalizzata alla profondità dei temi musicali e delle parole. Canzoni in gran parte scritte insieme a Giancarlo Bigazzi e stasera interpretate dallo stesso Falagiani e dalla voce duttile, suadente e al tempo stesso vibrante, di Valentina Galasso.

Berdondini ha ideato il titolo ed elaborato i testi poetici che si alternano alle canzoni fino a sembrare che ne facciano parte. «L’idea di lavorare insieme a Marco è nata per andare oltre un concerto che unisca musica pop e poesia. Vogliamo sperimentare settanta minuti di ininterrotto crescendo». Sottolinea Berdondini. «Le sue canzoni, che hanno fatto il successo di Mia Martini, Anna Oxa, Aleandro Baldi, Marco Masini e le mie poesie si fondono in una nuova trama sonora. La sua voce, il suo pianoforte, la mia voce, i miei versi. La parola suona, la musica fa poesia. Cercando di innovare stupore».

Frutto della nuova collaborazione tra poeta e compositore sono anche due nuove canzoni Kamir e Dimmi labbra. Per la prima volta Falagiani accompagna al pianoforte Berdondini nell’interpretazione di Babelé una poesia d’amore scritta ed eseguita per voce e orchestra e che stasera ascolterete in un inedito abbinamento con le note del pianoforte, perfettamente inserite nella dinamica di Amare Velia. Come ogni concerto la prima parte inizia in sottovoce per poi esplodere in un accentuato crescendo con Kamir, Babelé, Dimmi labbra fino al finale che invita il pubblico a una vera e propria danza di suoni e di ritmi. “Era un bacio, amare Velia, il tempo fiore, brividi”.
Falagiani-02maxresdefault

      PROGRAMMA DELLA SERATA

Concerto per voci pianoforte e poesia in dieci quadri

Nel blu senza età – Tema di Vassilissa (dal film Mediterraneo premio Oscar) – Crete di terra a fiorire – Mediterraneo (dal film Mediterraneo premio Oscar) – Le foglie degli eucalipti – Kamir – Passerà – Babelé – Non è notte non è giorno – Dimmi labbra

Testi di Berdondini Falagiani Bigazzi

Marco Falagiani voce e pianoforte
Pier Luigi Berdondini voce recitante
Valentina Galasso voce e tastiere
BERDONDINI

venerdì 21 luglio – ESCLUSIVA BLUETRUSCO

Ore 21.45 Blue night. Deniss Pashkevich Italian Quintet in concerto. Deniss Pashkevich (sax), Beppe Di Benedetto (trombone), Carlo Morena (pianoforte), Stefano Carrara (contrabbasso) e Michele Morari (batteria)

Deniss Pashkevich, lettone, è uno dei più noti musicisti jazz dei paesi Baltici. Ha suonato, tra gli altri, con Gene Perla, Christian Howes, Brian Melvin, Paul Bollenback, Ryo Kawasaki, Peter Eldridge, Janet Lawson, Bill Harper, Ted Curson, Stenley Jordan, Ben Dowling, Victor Fonarev, Brian Linch, Tim Miller, James Tomas Werts, Jill Scot Heron, Ray Blue, Bob Ferrel, Vincent Coutro, David Kikoski, Aaron Parks, Randy Brecker, Seamus Blake. Insieme a quattro eccellenti musicisti italiani propone, a Murlo, il suono nordico delle sue composizioni tratte anche dall’ultimo disco, Yours Faithfully

Deniss