DSC_0323

Giovedì 20 luglio a Bluetrusco è la serata della veglia con Luciano Scali, senese ma ormai trapiantato a Murlo, profondo conoscitore del territorio e delle sue leggende. In una veglia vecchio stile (ore 21,30, al castello) racconterà storie, secondo un’atavica consuetudine locale. L’appuntamento conferma il coinvolgimento degli abitanti in un festival che si interfaccia con il museo, la zona degli scavi, esperienze come quella del telaio etrusco. E venerdì 21 luglio sarà la volta di un attesissimo concerto (gratuito). In programma il primo spettacolo in assoluto in Italia di un grande esponente della tradizione musicale dei Baltici: Deniss Pashkevich. Si esibirà in un quitetto “italiano” composto da lui stesso (sax)  Beppe Di Benedetto (trombone), Leonardo Caligiuri (pianoforte), Stefano Carrara (contrabbasso) e Michele Morari (batteria). Deniss Pashkevich, lettone, ha suonato, tra gli altri, con Gene Perla, Christian Howes, Brian Melvin, Paul Bollenback, Ryo Kawasaki, Peter Eldridge, Janet Lawson, Bill Harper, Ted Curson, Stenley Jordan, Ben Dowling, Victor Fonarev, Brian Linch, Tim Miller, James Tomas Werts, Jill Scot Heron, Ray Blue, Bob Ferrel, Vincent Coutro, David Kikoski, Aaron Parks, Randy Brecker, Seamus Blake. Insieme a quattro eccellenti musicisti italiani propone, a Murlo, il suono nordico delle sue composizioni tratte anche dall’ultimo disco, “Yours Faithfully”. Poco Prima (ore 19), il viaggio nell’Etruria prosegue con Roselle: tra Etruschi e Romani. Ne parlerà Maria Grazia Celuzza (Direttrice del Museo archeologico ed arte della Maremma). Da non perdere, prima del concerto, le raffinate degustazioni in piazza a cura di Rizes, in collaborazione con le associazioni nazionali delle Città del Vino e delle Città dell’olio (15 euro, tutto incluso).

\DSC_0164DSC_9399