SPETTACOLI

meniter 21

Falagiani-02

L’inedita collaborazione tra un compositore pop e un poeta classico, rispettivamente Marco Falagiani e Pier Luigi Berdondini, ha generato “Amare Velia”, spettacolo creato appositamente per Bluetrusco. La formula del concerto, in programma venerdì 14 luglio (ore 21,45) al castello di Murlo è un intreccio di musica e parole ispirate a valori, bellezza e temperamento di Velia, donna etrusca, bella, colta, indipendente. “Amare Velia” è anche storia dei nostri giorni: del fascino delle donne toscane che di Velia indossano audacia e acutezza, bellezza tirrenica, carattere armonico e sobrio. Sono donne narrate proprio dalle canzoni di Marco Falagiani (talvolta scritte con Giancarlo Bigazzi) e dai testi di Pier Luigi Berdondini.
Marco Falagiani, compositore, pianista, cantante, interpreta nella serata murlese il proprio repertorio di brani che hanno fatto la storia della canzone italiana tra gli anni Ottanta e i nostri giorni, come la colonna sonora del film, premio Oscar, “Mediterraneo” e canzoni portate al successo da Mia Martini, Anna Oxa, Baldi, Masini (cantate da Valentina Galasso). Alla musica si fondono le poesie in una nuova trama sonora. Pier Luigi Berdondini, poeta e collaboratore per melologhi e teatro musicale di alcuni tra i più noti compositori italiani di musica classica, ha scritto e interpreta poesie che si intrecciano per la prima volta con la musica di Falagiani. Il concerto per voci, pianoforte e poesia, previsto a Murlo si sviluppa in dieci quadri, con i brani: Nel blu senza età; Tema di Vassilissa; Crete di terra a fiorire; Mediterraneo; Le foglie degli eucalipti; Kamir; Passerà; Babelé; Non è notte non è giorno; Dimmi labbra.
Prima del concerto (ore 18), ovviamente, Bluetrusco offre la parte propriamente archeologica, accanto al museo-antiquarium di Poggio Civitate: si parlerà di Murlo, Chiusi e Orvieto. Lea Cimino (Docente di Etruscologia e Antichità Italiche presso l’Università per Stranieri di Siena), Giuseppe Della Fina, Giulio Paolucci (direttore del museo archeologico di Chianciano Terme). Quindi, un incontro su Cerveteri, metropoli mediterranea, con Alessandro Naso (direttore dell’Istituto di Studi sul Mediterraneo Antico del Cnr).

(36) Marco Falagiani in Quadri di Note – YouTube(36) Tema di Mediterraneo e tema di Vassilissa – Marco Falagiani – Arena di Verona – YouTube

imagesC8P-sOAXYAA78v0L1110636

 

Bluetrusco prende il via alle ore 17 di giovedì 13 luglio, l’unico evento dedicato alla cultura etrusca. E subito propone un concerto prestigioso (con l’Accademia di Santa Cecilia) e un dibattito di alto livello (con grandi giornalisti ed esperti a parlare di bellezza). All’inaugurazione è annunciata la presenza di Ilaria Borletti Buitoni, Sottosegretario del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, insieme ad amministratori pubblici, ai rappresentanti delle associazioni nazionali delle Città del vino e dell’olio, delle Università senesi. A fare gli onori di casa, ovviamente, sarà Fabiola Parenti, sindaco di Murlo. Dopo gli interventi introduttivi, ecco (ore 18.30) il concerto inaugurale della Cantoria dell’Accademia Nazionalei Santa Cecilia. Dirige Massimiliano Tonsini, al pianoforte Riccardo Balsamo. A seguire degustazioni in piazza a cura dell’associazione culturale Rizes, con ingredienti di filiera corta e piatti della tradizione locale. Tutto accompagnato da vini e oli negli spazi delle associazioni delle Città del vino e dell’Olio. Ma il piatto forte della giornata arriva sotte le stelle con la tavola rotonda dal titolo: “Che farne della bellezza? L’iniziativa, introdotta dal sindaco Fabiola Parenti e coordinata da Giuseppe Della Fina, vede la partecipazione di: Andreas M. Steiner, direttore di “Archeo”; Elisa Bruttini, Direttore scientifico della Fondazione Musei Senesi; Simona Maggiorelli, direttore responsabile del settimanale “Left”. Quest’ultima ha pubblicato, di recente “Attacco all’arte. La bellezza negata”, edito dall’Asino d’oro. Un’opera che, secondo il parere di Tomaso Montanari in prefazione, si dimostra “un antidoto efficace al veleno dell’interessato disimpegno imperante”. Si tratta di un viaggio attraverso le epoche, in difesa del linguaggio delle immagini, troppo spesso negato o svuotato di senso. Quando non attaccato con furia devastatrice. Sarà un bello spunto per un incontro che si annuncia di grande interesse per l’amministratore pubblico, per l’operatore culturale come per il semplice cittadino.

maxresdefault

venerdì 14 luglio – ESCLUSIVA BLUETRUSCO

Ore 21.45 Blue night. Amare Velia. Concerto di voci, musica e poesia in sette quadri (testi di Berdondini, Falagiani, Bigazzi). Marco Falagiani (voce e pianoforte), Pier Luigi Berdondini (voce recitante), Valentina Galasso (voce e tastiere)

Marco Falagiani al piano

Amare Velia è una storia che scava, tra le radici del Mediterraneo, nei valori del popolo etrusco e nell’attualità della parola amore. La racconta Marco Falagiani, autore, insieme a Giancarlo Bigazzi, della colonna sonora del film premio Oscar Mediterraneo (al 25° anniversario). Con lui una giovane cantante di valore come Valentina Galasso e un poeta-sceneggiatore, Pier Luigi Berdondini, protagonisti di testi inediti. Si ascolteranno i più celebri brani del Maestro, come Mediterraneo e il Tema di Vassilissa, Passerà, Babelé, Non amarmi, La farfalla oltre le viole, Ci vuole un attimo, Dimmi che è mattino

domenica 16 lessman capitani rossi stracciati.png

domenica 16 luglio – ore 21,45

Blue night. Il blu e la luna nelle canzoni celebri. Giulio Stracciati (chitarra), Klaus Lessmann (sax), Giacomo Rossi (contrabbasso) e Romina Capitani (voce)

Il concerto spazia dalla tradizione jazzistica alla musica del Sud America, fino alla canzone d’autore italiana. I brani hanno la luna e le atmosfere “blue” della notte come filo conduttore, con riletture di classici come Blue Moon, Moon River, Guarda che luna. I protagonisti: Giulio Stracciati, docente di Siena Jazz, partner di musicisti importanti e autore di vari dischi; Romina Capitani, premiata per la sua voce in ambito italiano ed internazionale; Klaus Lessmann, insegnante, musicista e direttore d’orchestra; Giacomo Rossi, contrabbassista di talento