SPETTACOLI

Locandina mostra Tullio Pericoli

Pronta a vivere l’anteprima del Festival Blu Etrusco 2018; al Museo di Murlo le “Linee di terre”  del maestro Tullio Pericoli

Ancora un fine settimana e poi l’edizione 2018 del festival Bluetrusco di Murlo prenderà ufficialmente il via con un’anteprima d’eccezione. La quarta edzione del festival, presentata al Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo(MiBACT), inizierà lunedì 23 aprile con l’inaugurazione (ore 17.30) della mostra “Linee di terre” del maestro Tullio Pericoli, che sarà ospitata nelle sale del Museo di Murlo e rimarrà visitabile fino a venerdì 31 agosto. Nella stessa giornata (ore 18.30) è previsto anche il concerto di Romina Capitani Trio. Martedì 24 aprile l’anteprima del festival proseguirà alle ore 17.00 con la presentazione del libro “Etruschi” di Giuseppe M. Della Fina (direttore scientifico di Bluetrusco). Alla presentazione interverranno Maurizio Sannibale (direttore Museo Gregoriano Etrusco –  Musei Vaticani), al quale sarà poi affidato il proseguimento della serata e Andreas M. Steiner (direttore della rivista Archeo-media partner di Bluetrusco). Alle 19.00 si esibirà in concerto Mirco Mariottini Duo. Mercoledì 25 aprile i presenti potranno partecipare alla giornata dedicata al tema dell’Ambiente, le api e il miele nella quale è prevista una tavola rotonda nonché una mostra mercato caratterizzata da prodotti tipici. Il pomeriggio del 25 aprile si aprirà alle ore 16.00 con il concerto dei Flat Out, un gruppo giovanile di Murlo al quale seguirà (ore 17.00) la tavola rotonda sul tema “Apicoltura e ambiente” alla quale interverrà il portavoce Unione nazionale associazione apicoltori italiani, Francesco Panella.

In “Linee di terre”, attraverso l’esposizione di 31 opere, Tullio Pericoli ha impresso nella tela archetipi del paesaggio italiano che riescono a dare conto della sua bellezza, complessità e fragilità.

“Siamo impazienti di iniziare a vivere l’atmosfera di Bluetrusco – dichiara il sindaco di Murlo Fabiola Parenti – la quarta edizione è caratterizzata da un programma ricco di poliedriche iniziative in grado di cogliere l’interesse di un pubblico vasto. L’anteprima a cui affidiamo l’edizione 2018 è eccezionale e come città di Murlo siamo orgogliosi e onorati di ospitare la mostra di un artista così importante come Tullio Pericoli che auspichiamo possa emozionare tante persone con la stessa forza con la quale ha emozionato noi appena abbiamo visto le opere che presto arricchiranno le sale del Museo. Un ringraziamento non può che andare a tutte le persone che hanno lavorato al programma 2018 e in particolare ad Archeo e RaiRadio3 per aver scelto di essere media-partner del festival e al nostro direttore scientifico Giuseppe M. Della Fina per aver creduto da subito in un festival che nel tempo è diventato un punto di riferimento in Italia e non solo.”

“Abbiamo lavorato molto al programma e all’anteprima della quarta edizione del festival – sottolinea il direttore scientifico Giuseppe M. Della Fina – questi ultimi giorni saranno, sicuramente, intensi, ma le sensazioni sono positive perchè si percepisce la volontà di fare bene da parte di tutti. La mostra Linee di terre rappresenta un elemento di grande pregio di questa edizione, ringraziamo il maestro Pericoli e, naturalmente, invitiamo tutti a visitare la mostra che, tra l’altro, rimarrà a Murlo anche durante il festival. Continuiamo, quindi, a lavorare con grande energia per fare in modo che la quarta edizione lasci un segno nel cuore dei cittadini di Murlo e di tutti coloro che verranno a visitare la mostra.”

Dopo l’anteprima di aprile (23-24-25) il festival vivrà il suo momento più intenso come sempre nel mese di luglio. Il programma completo è consultabile sulla pagina facebook del Comune di Murlo (@ComunediMurlo)

depliant.indd

il programma del festival presentato Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo; il Sottosegretario Borletti Buitoni “Murlo può essere un esempio di promozione per tutta la nazione”

ROMA – La quarta edizione di Bluetrusco, festival multidisciplinare che si svolge nel Comune di Murlo e che abbraccia in un unico programma l’approfondimento scientifico ed esperienze di gastronomia, musica e teatro, è stato presentato questa mattina (giovedì 15 marzo) presso la sede del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. Alla conferenza stampa, che si è svolta nella Sala della Crociera, hanno preso parte il Sottosegretario di Stato Ilaria Borletti Buitoni, il sindaco di Murlo Fabiola Parenti, il direttore della rivista “Archeo” (media partner del festival) Andreas M. Steiner e il direttore scientifico di Bluetrusco Giuseppe M. Della Fina. Durante la conferenza stampa sono stati approfonditi gli aspetti che caratterizzeranno il festival a partire dal programma che prevede un’anteprima di assoluto prestigio nel mese di aprile (inaugurazione lunedì 23 aprile) con la mostra “Linee di terre” del maestro Tullio Pericoli che ha impresso nella tela archetipi del paesaggio italiano che riescono a dare conto della sua bellezza, complessità e fragilità. Il cuore del programma di Bluetrusco batterà, come nelle precedenti edizioni, nel mese di luglio con tre fine settimana ricchi di appuntamenti (il programma completo è possibile consultarlo nella brochure dell’evento oppure nel sito internet www.bluetrusco.land o nella pagina Facebook @ComunediMurlo).

“Il nostro Paese – dichiara il Sottosegretario di Stato Ilaria Borletti Buitoni – ha radici culturali straordinarie che sono quelle che hanno determinato la bellezza del nostro paesaggio e dei nostri beni culturali. Questa ricchezza deve però essere fatta conoscere e in questo senso il pregio di Bluetrusco è quello di valorizzare un territorio straordinario ponendo in primo piano le radici culturali del territorio stesso. Un’operazione molto intelligente perchè apre ad una forma di attrattività che non è così recente oltretutto visto che si tratta di un festival sugli etruschi che, purtroppo, non è ancora un ambito molto conosciuto.”

“Il Festival Bluetrusco – dichiara il sindaco di Murlo Fabiola Parenti – rappresenta un unicum nel panorama culturale che la nostra città ha l’orgoglio di organizzare ed ospitare. La formula ideata da questa amministrazione con la supervisione del direttore scientifico Giuseppe M. Della Fina, la collaborazione dell’Associazione Culturale di Murlo, della Pro Loco e di tutte le altre associazioni della città e da quest’anno anche con il prezioso patrocinio del MiBACT che ringraziamo, rappresenta una scommessa vinta nel segno della cultura. La complementarietà delle arti, che è possibile ammirare durante il festival, abbinata agli appuntamenti di divulgazione e approfondimento scientifico permettono a Bluetrusco di ambire ad essere un punto di riferimento nel panorama internazionale per la conoscenza della storia e della cultura dell’Etruria e del popolo Etrusco.”

“La quarta edizione di Bluetrusco – sottolinea il direttore scientifico Giuseppe M. Della Fina – promette di essere una delle più interessanti di sempre. Tutti gli appuntamenti sono stati pensati per aprire la mente e vivere all’insegna dell’arricchimento culturale. Avremo l’onore di ospitare grandi artisti a partire già dall’anteprima con la mostra del maestro Tullio Pericoli, ma in generale tutte le serate di luglio saranno all’insegna dell’arte e della bellezza con alcuni dei più grandi interpreti di sempre del panorama italiano e non solo. Un ringraziamento è doveroso, per questo, rivolgerlo alle istituzioni che ci hanno concesso il patrocinio, ai nostri media partner (Archeo e RadioTre) a tutti gli sponsor che ci permetteranno di vivere un festival che, anno dopo anno, ambisce a crescere e ad essere un punto di riferimento nazionale e non solo.”

“Come rivista Archeo – dichiara il direttore Andrea Steiner – abbiamo deciso di essere media partener di Bluetrusco perché ero convinto che la scommessa iniziata da Giuseppe Della Fina fosse destinata al successo. Non soltanto per la bravura dei protagonisti e dei programmi che negli anni sono stati proposti, ma anche per la natura del luogo assolutamente affascinante e magico.”

Tema madre della quarta edizione di Bluetrusco il “miele”; alimento particolarmente suggestivo e legato a doppio filo al popolo etrusco considerato un vero e proprio culto in quanto impiegato, anche, in ambito farmaceutico e cosmetico. Caratteristiche che trasformarono il dolce prodotto delle api in un vero e proprio alimento considerato sacro e miracoloso.

DSC_6342

DSC_6268DSC_6335DSC_6303DSC_6290DSC_6321DSC_6368DSC_6269DSC_6286DSC_6338

Grandi emozioni a Murlo, complici le piazze del castello, l’atmosfera, le luci blu e le proposte del festival Bluetrusco.  Per adesso, trra i momenti pià “alti”, il concerto di  Deniss Pashkevich Italian Quintet. Insienme al grande musiciscta lettone (sax)  si sono esibiti Beppe Di Benedetto (trombone), Leonardo Caligiuri (pianoforte), Stefano Carrara (contrabbasso) e Michele Morari (batteria).E gli appuntamenti continuano, fino al 30 luglio.

DSC_6287DSC_6348DSC_6282DSC_6357DSC_6403

IMG_8649

Deniss Pashkevich 1

Venerdì 21 luglio, sarà la volta di un attesissimo concerto. In programma primo spettacolo in assoluto in Italia di un grande esponente della tradizione musicale dei Baltici: Deniss Pashkevich. Si esibirà con un quintetto italiano composto da lui stesso (sax)  Beppe Di Benedetto (trombone), Leonardo Caligiuri (pianoforte), Stefano Carrara (contrabbasso) e Michele Morari (batteria). Deniss Pashkewich, lettone, ha suonato, tra gli altri, con Gene Perla, Christian Howes, Brian Melvin, Paul Bollenback, Ryo Kawasaki, Peter Eldridge, Janet Lawson, Bill Harper, Ted Curson, Stenley Jordan, Ben Dowling, Victor Fonarev, Brian Linch, Tim Miller, James Tomas Werts, Jill Scot Heron, Ray Blue, Bob Ferrel, Vincent Coutro, David Kikoski, Aaron Parks, Randy Brecker, Seamus Blake. Insieme a quattro eccellenti musicisti italiani propone, a Murlo, il suono nordico delle sue composizioni tratte anche dall’ultimo disco, “Yours Faithfully”. Poco Prima (ore 19), il viaggio nell’Etruria prosegue con Roselle: tra Etruschi e Romani. Ne parlerà Maria Grazia Celuzza (direttrice del Museo archeologico ed arte della Maremma). Prima del concerto, le raffinate degustazioni in piazza a cura di Rizes, in collaborazione con le associazioni nazionali delle Città del Vino e delle Città dell’olio.

DSC_0323

Giovedì 20 luglio a Bluetrusco è la serata della veglia con Luciano Scali, senese ma ormai trapiantato a Murlo, profondo conoscitore del territorio e delle sue leggende. In una veglia vecchio stile (ore 21,30, al castello) racconterà storie, secondo un’atavica consuetudine locale. L’appuntamento conferma il coinvolgimento degli abitanti in un festival che si interfaccia con il museo, la zona degli scavi, esperienze come quella del telaio etrusco. E venerdì 21 luglio sarà la volta di un attesissimo concerto (gratuito). In programma il primo spettacolo in assoluto in Italia di un grande esponente della tradizione musicale dei Baltici: Deniss Pashkevich. Si esibirà in un quitetto “italiano” composto da lui stesso (sax)  Beppe Di Benedetto (trombone), Leonardo Caligiuri (pianoforte), Stefano Carrara (contrabbasso) e Michele Morari (batteria). Deniss Pashkevich, lettone, ha suonato, tra gli altri, con Gene Perla, Christian Howes, Brian Melvin, Paul Bollenback, Ryo Kawasaki, Peter Eldridge, Janet Lawson, Bill Harper, Ted Curson, Stenley Jordan, Ben Dowling, Victor Fonarev, Brian Linch, Tim Miller, James Tomas Werts, Jill Scot Heron, Ray Blue, Bob Ferrel, Vincent Coutro, David Kikoski, Aaron Parks, Randy Brecker, Seamus Blake. Insieme a quattro eccellenti musicisti italiani propone, a Murlo, il suono nordico delle sue composizioni tratte anche dall’ultimo disco, “Yours Faithfully”. Poco Prima (ore 19), il viaggio nell’Etruria prosegue con Roselle: tra Etruschi e Romani. Ne parlerà Maria Grazia Celuzza (Direttrice del Museo archeologico ed arte della Maremma). Da non perdere, prima del concerto, le raffinate degustazioni in piazza a cura di Rizes, in collaborazione con le associazioni nazionali delle Città del Vino e delle Città dell’olio (15 euro, tutto incluso).

\DSC_0164DSC_9399