News

DSC_6342

DSC_6335DSC_6303DSC_6290DSC_6321DSC_6368DSC_6275DSC_6269DSC_6286DSC_6338

Grandi emozioni a Murlo, complici le piazze del castello, l’atmosfera, le luci blu e le proposte del festival Bluetrusco.  Per adesso, trra i momenti pià “alti”, il concerto di  Deniss Pashkevich Italian Quintet. Insienme al grande musiciscta lettone (sax)  si sono esibiti Beppe Di Benedetto (trombone), Leonardo Caligiuri (pianoforte), Stefano Carrara (contrabbasso) e Michele Morari (batteria).E gli appuntamenti continuano, fino al 30 luglio.

DSC_6287DSC_6348DSC_6282DSC_6336DSC_6357DSC_6403

COSTANTIBROGI-01

Dopo la cena, ecco un recital di musica e poesia in esclusiva per Bluetrusco, dal titolo: “Gli Etruschi non se ne sono mai andati”, con il cantautore Nicola Costanti (premiato due volte al “Tenco”) e il poeta-giornalista Marco Brogi. Il duo propone un viaggio intorno alla bellezza e al mondo degli Etruschi. Per l’occasione verrà presentata la canzone che dà il tiolo allo spettacolo, nella quale si gioca sulla presenza ancora attuale della cultura, della storia e persino dei tratti somatici dell’antico popolo. È uno spettacolo in cui si alternano lirismo e ironia, con un excursus poetico su tutto ciò che rende unica questa terra. Ci saranno aforismi dedicati al vino, che per gli Etruschi non era una semplice bevanda ma uno stile di vita e un modo di stare insieme.

DSC_9279

La giornata di sabato 22 luglio comincia presto (ore 9.00) con una visita guidata agli scavi e una ricca colazione al ritorno. Nel pomeriggio (ore 19 si parla degli Etruschi del Po con Maurizio Harari (docente di Etruscologia all’Università di Pavia). A seguire (ore 20), degustazioni in piazza.

Domenica 23 altro appuntamento del mattino, ancora più originale (ore 9), con le “Classiche colazioni”. Concerto di musica da camera dal vivo e prodotti del territorio. Il duo “Voce viola” (soprano: Serena Saccardi; viola: Giulia Guerrini) eseguirà un repertorio straordinario, che spazia da Mozart a Puccini, da Edith Piaf a Enrico Morricone. A Seguire (ore 10) un laboratorio sul telaio etrusco a cura di Giulia Ciuoli (durate 3 ore). Nel pomeriggio si parlerà di Arezzo, la città di Mecenate, con Maria Gatto (direttrice del Museo archeologico nazionale di Arezzo).

DSC_9279

DSC_8375

DSC_8375DSC_8379DSC_8464

Da non perdere, al festival Bluetrusco di Murlo lo spettacolo teatrale (ore 21,45, ingresso gratuito) “Sogno di una notte di mezza estate” liberamente ispirato a Giovanni Boccaccio e a William Shakespeare, di Alessandro Calonaci, con la Compagnia Mald’Estro. In apparenza, un appuntamento, per quanto ricco di divertimento, “fuori tema” del festival. Ma non è così. Bluetrusco cerca di tradurre in chiave contemporanea la cultura etrusca, non essendoci tracce tangibili di letteratura o musica, valorizzando il legame territoriale e le tradizioni locali. E qui rientra un capolavoro, del quale Calonaci esalta la parte comica: Shakespeare rubò a piene mani da Boccaccio e Bandello, e per il “Sogno” si ispirò a tutta quella novellistica toscana che trattava di spiriti, fate e streghe. La versione che Alessandro Calonaci mette in scena parte esattamente da lì: dalla tradizione contadina (a sua volta con radici etrusche?) con le sue storie e i suoi canti dei “maggi”, facendola incontrare con le novelle di Giovanni Boccaccio. Ed ecco spiegato il legame con le radici più profonde della Toscana, di quella che è considerata la “commedia perfetta” per le sue geometrie interne e per il grande equilibrio tra realtà e finzione, che segna addirittura l’inizio della comicità contemporanea.

1929DSC_8410

murlo 2

DSC_6236

Bluetrusco propone, tra un incontro e uno spettacolo, il venerdì e il sabato sera, un raffinato menù a buffet, e una ricca varietà di vini e oli, proposti dai produttori locali e dalle associazioni nazionali delle Città del Vino e dell’olio. Tutto a 15 euro (5 euro per le degustazioni al bicchiere). E ogni domenica mmattina, ecco le “classiche colazioni”, con musica da camera dal vivo. E il sabato, escursione guidata a Poggio Civitate seguta, anch’essa da una colazione (per queste due ultime proposte, il prezzo è di 10 euro).

Menù Colazioni (fisso)
Dolce; crostata, torta di mele, macedonia, brioches, succo di mela, bevanda allo zenzero, caffè
Salato: panzanella, salumi, formaggi, olive, focaccia
Le colazioni saranno integrate con formaggi, salumi, oli e marmellate delle Aziende Locali, alternando i prodotti.

 

DSC_5995

Menù delle degustazioni

Primo weekend
Panzanella
Crostini neri, mortadella e ricotta, funghi
Frittata zucchine e frittata cipolla a quadretti
Sformato di zucchine monoporzione
Crostata alle fragole a quadretti
Panna cotta in monoporzione

Secondo weekend
Pasta al pesto e pomodorini
Crostini neri, mortadella e ricotta, funghi
Frittata zucchine e frittata cipolla a quadretti
Sformato di broccoli monoporzione
Crostata all’albicocca a quadretti
Mousse alla cioccolata

Terzo weekend

Pappa al pomodoro
Crostini neri, mortadella e ricotta, funghi
Frittata zucchine e frittata cipolla a quadretti
Sformato di verdure monoporzione
Crostata ai frutti di bosco a quadretti
Mousse alla cioccolata

Le degustazioni saranno integrate con formaggi, salumi, vini e oli delle Aziende Locali, alternando i prodotti.

Programma dei concerti di Domenica 16 e di Domenica 23

Domenica 16

Musicisti: A Strange Consort

– Vincenzo Galilei (1520-1591) Salterello
– John Dowland (1563-1626) Now, o now I needs must part – Come heavy sleep Come again
– Gregorio Lambranzi (XVII-XVIII sec.) Suite di danze “Ruberto” – Suite di danze “Logi”
– John Dowland (1563-1626) Fortune my foe (trad.)
– King Henry VIII (1491-1547) Pastime Greensleeves
– John Dowland (1563-1626) Fine knacks for ladies Can she escluse my wrongs? If my complaints
– Michael Praetorius (1571-1621) Reprinse
– Henry Purcell (1659-1695) If music be the food of love
– William Byrd (1539-1623) The Earle of Salisbury (Pavin and Galiardo)
– Andrea Falconieri (1586-1656) Sinfonia per strumenti vari
– Claudio Monteverdi (1567-1643) Sì dolce è ’l tormento
– John Playford – The English Dancing Master (1651) Nobody’s Jig suite
– Giorgio Mainerio (1535-1582)
Schiarazula Marazula

Programma Domenica 23 Luglio

Duo “Voce viola”
“Deh vieni non tardar”- “Le nozze di Figaro”, W. A. Mozart
“Sì mi chiamano Mimì”- “Bohème”, G. Puccini
“Donde lieta”- “Bohème”, G. Puccini
“Non so più cosa son cosa faccio”- “Le nozze di Figaro”, W. A. Mozart
“La vie en rose” – Edith Piaf
“Venite inginocchiatevi”- “Le nozze di Figaro”, W. A. Mozart
“C’era una volta il West” – E. Morricone
“Dove sono i bei momenti”- “Le nozze di Figaro”, W. A. Mozart
“O mio babbino caro”- “Gianni Schicchi”, G. Puccini
“Porgi Amor”- “Le nozze di Figaro”, W. A. Mozart
“Nuovo cinema paradiso” – E. Morricone
Soprano: Serena Saccardi Viola: Giulia GuerriniDSC_5790